lunedì 18 novembre 2013

Zuppa di fagioli e verza

Sembra che l'autunno abbia proprio deciso di arrivare!
Separarsi dal piumone al mattino, quando suona la sveglia, è sempre più difficile; la pelle delle mani inizia a seccarsi (si, lo so, esistono le creme!); le strade si riempiono di foglie di mille colori; gli alberi si spogliano e la sera mi viene proprio voglia di un bel pasto caldo.
Ed è proprio ad una bella zuppa che stavo pensando sabato pomeriggio, quando Marta mi ha proposto una bella verza appena raccolta dall'orto di sua madre!
In comune, tra le altre cose, abbiamo l'amore per la zuppa di ceci, verza e costine del bar Coco's (se siete interessati, qui trovate la sua ricetta).
Io in freezer avevo una busta di fagioli in attesa di compagnia per finire su un bel piatto fondo.
Ed ecco qui la mia zuppa di fagioli e verza!

Ingredienti per 4 persone:
300 gr di fagioli borlotti surgelati
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla
100 gr di pancetta dolce
2 cucchiai di vino bianco
250 gr circa di cavolo verza
2-3 cucchiai di concentrato di pomodoro o 1 pomodoro pelato
olio
sale e pepe
peperoncino
alloro, salvia e rosmarino

Procedimento:
Soffriggere in pentola un trito di sedano, carota, cipolla e pancetta.
Aggiungere i fagioli surgelati e sfumare con il vino.
Aggiungere il concentrato di pomodoro, alloro, salvia, rosmarino e acqua (la quantità può variare a seconda della tipologia di fagioli utilizzati). Lasciar cuocere secondo i tempi indicati nella confezione di fagioli.
Una volta cotti, aggiungere le foglie di verza tagliate a pezzi, un po' di peperoncino e sale e pepe q.b.
Lasciate cuocere altri 15-20 minuti a fiamma lenta.
Servite ben calda accompagnata, se vi piace, con del formaggio grattugiato e dei crostini di pane.

2 commenti:

  1. ciao cara, hai proprio ragione, sono tutti i segnali dell'autunno (che odio le mani secche) e noi li facciamo sparire con zuppe meravigliose come questa!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Template based on "Sweet Cupcake" by Cebong Ipiet. Edited by Maria Rosa Baglieri.